Isylea

I Goblin

VITA DA PELLEVERDE

I goblin sono un "piccolo popolo" dalla pelle verde originario di foreste e paludi ricche di vegetazione, vivono laddove un habitat roccioso/collinare si alterna alla fitta vegetazione.
I goblin di Isylea somigliano in qualche modo a mostriciattoli capricciosi e dagli strani poteri.
I goblin sanno poco delle loro origini, salvo che, prima di giungere nella grande palude di Koyran, vennero sottoposti ad una terribile persecuzione, in ere remote, della quale danno la colpa ai 'barbuti' (i nani) e che li costrinse a fuggire nelle paludi laddove la loro natura opportunista, che gli consente di mantenere rapporti pacifico/servili con tutte le razze, li spinse ben presto a legarsi agli orchi di quegli acquitrini, che gli fornivano cibo e sostentamento nonché manufatti in cambio di piccoli servigi di furtività o di intrattenimento con le loro buffe capacità.
Questo finché un ristretto numero di goblin non ebbe l'opportunità di fuggire verso "la terra dove non si muore mai": Isylea, scoperta con gioia dai loro simili per tutte le risorse e le prospettive di libertà che portava con sé.

CARATTERISTICHE FISICHE

I goblin sono umanoidi alti mediamente poco meno di un metro, con una corporatura assimilabile a quella di un gracile bambino umano di tre-quattro anni. Di fatto le ossa di un goblin sono leggermente più elastiche e sottili di quelle di un umano, cosa che li rende più agili e scattanti rispetto alla loro massa muscolare ma al contempo anche più gracili e deboli.
La statura di un goblin maschio, adulto, raggiunge i 105-110 centimetri negli esemplari più alti e robusti, è mediamente di 90-95 centimetri e negli esemplari più piccoli addirittura di 80-85. Pesano solitamente tra i 10 e i 22 kg.
Le femmine sono spesso un po' più basse dei maschi, in media di 5 centimetri, ma non molto più leggere in quanto compensano con lineamenti più dolci e movenze più aggraziate (le femmine goblin hanno quindi una statura in assoluto compresa tra gli 85 ed i 120 centimetri).
La pelle di un goblin ha un caratteristico colore verde-foglia, che gli permette di confondersi bene nella vegetazione, molto di rado maculazioni e macchie più scure ne turbano la pigmentazione. I goblin sono anche prevalentemente glabri, e la presenza di capigliatura o (ancor più raro!) di irsutismo corporeo è un evento quasi eccezionale, che contraddistingue prevalentemente gli individui più grossi e ormonalmente dotati (come gli hobgoblin). I Goblin hanno la testa leggermente più grande rispetto alle proporzioni corporee e le braccia ossute sono leggermente più lunghe rispetto alle proporzioni umane (sebbene meno lunghe delle gambe).
Le mani, grosse per la loro taglia e caratterizzate da 5 dita lunghe e robuste, terminano con lunghe unghie simili ad artigli. I piedi sono più simili a zampe, hanno solo 4 grosse dita (l'evoluzione gli ha fatto perdere l'alluce) che terminano a loro volta in grossi unghioni, spesso arrotondati in modo da poter essere coperti da rozzi calzari, molto utili per arrampicarsi.
Le orecchie dei goblin sono enormi e mobili, in grado di orientarsi per seguire il suono, affiancano la testa e sono per lo più appuntite. Molti goblin poi amano cingersi di orecchini ed anellini per decorarle.
Il muso di un goblin è solitamente leggermente allungato nei lineamenti, ben di rado tondo e presenta il più delle volte un naso pronunciato, tanto che gli esemplari con naso piccolo "nasini" sono spesso considerati brutti e derisi. Spesso anzi, alcuni goblin hanno proporzioni del naso decisamente molto notevoli, con nasi simili a protuberanze adunche e sottili, o lunghi e grossi. La bocca ha labbra estremamente sottili, nero-violacee come la lingua, che a stento riescono a coprire le grosse file di denti aguzzi, sottili e storti che ne coronano le mascelle. La dentatura completa di un goblin adulto è composta infatti di 54 denti, quasi tutti sottili ed appuntiti come canini, atti più allo strappare che al masticare.
I goblin hanno anche occhietti vispi dalla pupilla marrone, tendente al rossiccio o propriamente rossa, in rari casi addirittura violacei, che al buio risultano fosforescenti, brillando di un sinistro giallo-arancio.
La postura è spesso leggermente ingobbita rispetto a quella umana (a causa di braccia e testa un po' più lunghe) facendoli sembrare anche più bassi di quanto non siano in realtà e conferendogli movimenti all'apparenza sbilanciati e sgraziati, sebbene siano in realtà agilissimi e rapidissimi, capaci di dileguarsi tra la vegetazione con la prontezza di una lucertola.

SVILUPPO

I goblin hanno un apparato endocrino molto diverso da quello umano. I cuccioli goblin nascono molto grossi in rapporto alle loro madri (che hanno la capacità di "gonfiarsi" molto più delle donne umane durante la gravidanza) e crescono poi rapidamente, per raggiungere in età pre-puberale (intorno ai 7-8 anni) la statura piena dell'individuo adulto.
A questo punto vengono a tutti gli effetti trattati come adulti, sebbene a livello ormonale (sviluppo dei caratteri sessuali e sviluppo neurale) siano ancora pre-adolescenti. La piena maturità verrà raggiunta dal goblin solo in altri 4 anni circa (11-12 anni).
Completato lo sviluppo fisico i goblin hanno un rallentamento metabolico che li rende, peraltro, piuttosto longevi. Raggiungono la mezza età intorno al 50 anni, età in cui cominciano ad apparire le prime rughe e le macchie sulla pelle.
La vecchiaia vera e propria inizia intorno agli 80 anni, età in cui le ossa iniziano a farsi deboli, i goblin perdono la loro famigerata rapidità e destrezza di movimenti e diventano ingobbiti e stanchi, completamente rugosi e in esemplari glabri spesso appare un accenno di sopraccigli cespugliosi e barbetta candida o grigiastra, gli esemplari leggermente villosi incanutiscono del tutto.
I vecchi e venerabili goblin, gobbi, striminziti ed incanutiti sopravvivono frequentemente fino a 105-120 anni. A differenza degli umani e di tutte le specie viventi, però, questa "età biologica" non contiene meccanismi di autodistruzione biologici (perdita di controllo dei sistemi vitali, degenerazione cellulare e nervosa ecc...) persino il tessuto nervoso, molto lentamente, si rigenera. Il che significa che il goblin raggiunge il massimo del suo invecchiamento intorno agli 80-90 anni, ma poi non invecchia più.
In una società selettiva come la loro questo significa che la vita media è di 105-120 anni per gli anziani, ma in realtà pare che alcuni goblin siano riusciti, in casi eccezionali, a preservarsi in vita in forma quasi identica ai vecchi di 120 anni appunto, anche per un secolo di più.

Isylea © 2003-2017